Simulazione Assoluta e Simulazione Relativa di un Contratto

Simulazione significa finzione e tale significato mantiene anche nel linguaggio giuridico. Pertanto, simulare un contratto vuol dire fare finta di stringerne uno, quando in realtà non esiste, simulazione assoluta, o dove si trova un contratto diverso, simulazione relativa.

Dunque, la simulazione di un contratto si ha quando due contraenti fingono di stipulare un accordo che appaia tale all’esterno all’occorrenza, mentre tra le due parti vi è un accordo che dispone diversamente. L’importante è, quindi, che esista l’accordo simulatorio, contestualmente alla stipulazione dell’accordo simulato. Il primo non va confuso con la controdichiarazione, che sostanzialmente segnala l’esistenza di un accordo di segno diverso da quello simulato, ma che al limite potrebbe anche non esistere.

Nel caso di simulazione assoluta, le parti fingono di dare origine a un contratto, ma in realtà non ne vogliono alcuno, per cui il contratto simulato non ha efficacia tra le parti. Un esempio potrebbe essere un finto contratto di compravendita di un immobile, per cui Tizio cede a Caio la casa in cui risiede, mentre tra le parti è stato contestualmente pattuito che non sarà alcuna alienazione dell’immobile. Di conseguenza, Tizio non sarà un vero venditore e Caio non sarà un acquirente reale.

Nel caso di dissimulazione relativa, le parti fingono di dare origine a un accordo, mentre pongono in essere nella realtà a un accordo di tipo diverso. Esempio, Tizio simula la vendita di un immobile a Caio, ma in realtà glielo dona. A avere efficacia tra le parti è il contratto simulatorio e nel caso appena esposto, tra le parti vi sarà in effetti una donazione, non una cessione a titolo oneroso.

In caso di simulazione relativa, per fare in modo che l’atto simulato abbia efficacia, è necessario che possegga i requisiti di sostanza e di forma richiesti dalle leggi. Nel caso sopra esposto, sarebbe necessario che la donazione dissimulata sia redatta per atto pubblico, ma esiste una parte della dottrina che ritiene che sarebbe sufficiente che tali requisiti siano adempiuti dal negozio simulato, che nel nostro caso sarebbe la vendita, la quale dovrebbe essere redatta per atto pubblico, per fare in modo che sia ritenuta valida e di conseguenza lo sia anche la donazione.

La simulazione relativa può essere oggettiva o soggettiva. Nel primo caso, si intende che a essere simulato è il negozio per intero o per una parte di esso. Nel secondo caso, invece, la simulazione vale nei confronti della controparte, in quanto il negozio effettivo si ha con un contraente diverso. Esempio, Tizio simula la cessione di un immobile a Caio, mentre vuole venderlo nella realtà a Sempronio. La simulazione è relativa e soggettiva.

Si dirà anche che in questo caso, una delle parti contraenti nel negozio simulato sia un prestanome, ovvero appare solamente nel contratto, ma a beneficio di un soggetto terzo, che evidentemente vuole rimanere anonimo per una qualche ragione. Nel caso sopra esposto, il prestanome sarebbe Caio a beneficio di Sempronio.

Bisogna distinguere il caso di simulazione relativa soggettiva da quello della rappresentanza indiretta, in questo secondo caso si ha un contratto di mandato, per cui il mandatario si assume l’obbligo di trasferire gli effetti del negozio nei confronti del mandante.

Vediamo quali sono gli effetti della simulazione di un contratto. Ai sensi dell’art.1.414 c.c., come detto sopra, quando la simulazione è assoluta, il negozio non produce effetti tra le parti, mentre quando è relativa, il negozio dissimulato è quello che ha efficacia tra i contraenti, a patto che quello apparente soddisfi i requisiti formali.

Secondo l’art.1.415 c.c., le parti, i loro aventi causa e i creditori dell’alienante simulato non possono opporre la simulazione ai terzi in buona fede, qualora abbiano acquistato i diritti dal titolare apparente, salvo che il contratto di simulazione sia stato trascritto prima della trascrizione dell’atto simulato.

I terzi pregiudicati dalla simulazione, però, possono sempre fare valere la simulazione nei confronti delle parti. L’art.1.416 regola i rapporti con i creditori, distinguendo tra quelli del titolare apparente e quelli del simulato alienante. Contro i primi non può essere opposta la simulazione, quando i diritti sui beni oggetto dell’alienazione siano stati vantati in buona fede. I secondi possono fare valere la simulazione pregiudizievole, avendo interesse a fare prevalere il contratto reale su quello apparente e vengono preferiti ai creditori chirografari del simulato acquirente, se il contratto simulato è successivo al sorgere del credito.

Nel caso di simulazione assoluta, l’azione viene considerata imprescrittibile, mentre per i casi di simulazione relativa si avrebbero i termini di prescrizione ordinari, ovvero relativi al diritto oggetto del contratto simulato.

Vediamo chi deve eccepire la simulazione del contratto. Seguendo la regola generale dell’art.2.697 c.c., l’onere probatorio ricade in capo al soggetto che deduce l’inefficacia dell’atto simulato, anche se la disciplina è variegata, sulla base di chi la invoca, ovvero le parti, i loro creditori o terzi.

I terzi sono i più tutelati in fase probatoria, essendo per loro più difficile dimostrare la sussistenza della simulazione, visto che non hanno fatto parte dell’accordo. A loro è consentito di usufruire di qualsiasi mezzo per l’esibizione della prova, compresi quello testimoniale e la presunzione, senza i limiti probatori previsti in materia di contratti.

Le parti possono avvalersi dello stesso regime probatorio di cui beneficiano i terzi, qualora intendano provare l’illiceità del contratto dissimulato, mentre in tutti gli altri casi sono sottoposti ai limiti applicabili in tema di ammissibilità e limiti delle prove.

Nel caso di simulazione assoluta, la priva dell’inesistenza del negozio simulato può essere fatta valere per mezzo di testi solo per il principio di prova per iscritto, impossibilità morale o materiale di procurarsi una prova scritta e di perdita incolpevole del documento. Nel caso di simulazione relativa, la prova del negozio dissimulato può essere esperita per testi solo nel caso di perdita incolpevole del documento. L’interrogatorio formale, il giuramento e la confessione sono ammissibili tra le parti, quando non riguardano negozi solenni.

L’art.123 c.c. prevede anche un caso peculiare di simulazione, ovvero tra gli sposi, contraenti, i quali decidano di non adempiere agli obblighi derivanti dal matrimonio e di non avvalersi dei relativi diritti. La simulazione può essere eccepita dalle parti, ma non può essere opposta dopo un anno dalla celebrazione del matrimonio, oppure qualora i contraenti abbiano convissuto successivamente.

Vi è un caso, per il quale il contratto dissimulato è colpito da nullità, ovvero per il comune intento illecito. Stesso discorso vale per il negozio fraudolento, ovvero quando il negozio dissimulato è teso a infrangere una norma imperativa. In queste situazioni, il contratto simulato non ha efficacia tra le parti, mentre quello dissimulato è, addirittura, nullo.

La simulazione può avere ad oggetto anche atti unilaterali, aventi come destinatari una persona determinata e il cui contenuto sia patrimoniale. In assenza di un destinatario, infatti, parte della dottrina ritiene che non sarebbe possibile la stessa simulazione.

Casi diffusi di simulazione oggettiva e soggettiva si hanno, quando il datore di lavoro dichiara in busta di avere versato al dipendente una certa somma, mentre gli eroga in nero una cifra differente, spesso maggiore, così come quando la persona del datore di lavoro viene simulata con un’interposizione fittizia. Questa pratica è stata di recente contrastata con la nuova disciplina sulla somministrazione di lavoro, al fine di combattere il caporalato, una figura diffusa specialmente in passato.

Azione Revocatoria

L’azione revocatoria ordinaria è un mezzo con il quale un soggetto provvede alla conservazione della garanzia patrimoniale del debitore contro gli atti compiuti da questo ai suoi danni. Per capire meglio di cosa parliamo, facciamo un semplice, quanto efficace, esempio.

Immaginiamo che Tizio abbia un debito di 100000 euro con Caio e che si renda conto di non essere più in grado di onorarlo. In un determinato momento, egli decide di vendere la sua casa, suo unico immobile di valore disponibile. Caio lo scopre e fiutando la frode ricorre all’azione revocatoria, in quanto la casa alienata a terzi rappresentava l’unica garanzia per il suo credito, in assenza della quale avrebbe poche speranze di rivalersi effettivamente sul debitore.

Grazie all’azione revocatoria, Caio conserva i suoi diritti, avendo la possibilità di escutere il bene alienato, la cui cessione, è bene precisarlo, non è stata annullata. Semmai, a non valere nei suoi confronti è l’efficacia della transazione, nel senso che Caio potrà comportarsi come se la vendita della casa non sia mai avvenuta, potendo prendere possesso al verificarsi dell’inadempienza del debitore.

Per fare in modo che sia possibile tentare la carta dell’azione revocatoria è necessario che vi siano due presupposti. Il primo è che il debitore sia a conoscenza del danno che potenzialmente può essere arrecato al creditore. Qualora esso fosse stato compiuto prima della contrazione del debito, per fare in modo che sia considerato una frode, è necessario che esso risulti essere stato preordinato con lo scopo di danneggiare successivamente il futuro creditore, mi vendo la casa, in modo che quando Caio mi presterà denaro, non potrà rivalersi sull’immobile di mia proprietà per il caso di inadempienza.

Il secondo presupposto per l’azione revocatoria è che l’atto compiuto dal debitore deve essere in grado di provocare un danno concreto al creditore. Se Tizio ha diverse case di proprietà e tutte di rilevante valore e vende una di queste, senza che ciò arrechi pregiudizio alle probabilità di Caio di riscuotere integralmente il suo credito, l’azione revocatoria non potrà essere esercitata, perché non esiste qui il danno potenzialmente provocato dall’atto.

Restando sempre in tema di presupposti necessari, se l’atto è stato compiuto a titolo oneroso, deve essere provata la malafede dell’acquirente, nel caso in cui l’atto sia avvenuto prima della nascita dell’obbligazione, deve essere dimostrato che il terzo acquirente abbia operato in accordo con il futuro debitore al fine di arrecare un danno al creditore, privandolo di una garanzia.

Se l’atto è stato compiuto, invece, a titolo gratuito, non è necessario provare la malafede dell’acquirente, essendo sufficiente che l’atto produca un danno a carico del creditore. Un caso classico di atto a titolo oneroso è la compravendita di un bene, immobile o mobile, mentre a titolo gratuito si ha, per esempio, per i casi di donazione.

Cerchiamo di capire come si prova la malafede dell’acquirente. La legge consente al creditore di utilizzare a tale fine qualsiasi mezzo. Il giudice potrebbe trovare sufficiente come prova l’eventuale basso prezzo della compravendita. Esso, infatti, sarebbe il corrispettivo ottenuto dall’acquirente per fare un favore al debitore, che così riuscirebbe a sottrarsi parzialmente all’obbligazione.

A tale proposito, va riconosciuto che il debitore conserva la libertà negoziale e di disporre dei suoi beni, anche perché se il corrispettivo dell’alienazione di un bene avviene ai prezzi di mercato, il creditore non subisce un danno, in quanto la sua garanzia avrebbe semplicemente cambiato forma, traducendosi da fisica a monetaria. Il problema esiste, però, quando il prezzo pattuito per l’alienazione è inferiore al valore reale di mercato del bene ceduto. Indipendentemente da ciò, infine, è anche oggettivo che il denaro sia più facilmente occultabile rispetto a un bene mobile e immobile. Il debitore potrebbe semplicemente nasconderlo da qualche parte o intestarlo a terzi su un conto bancario, opponendo al creditore di averlo interamente speso per altre sue necessità. A quel punto, frode palese o meno, ci sarebbe poco da fare.

Come detto, l’azione revocatoria non annulla gli effetti della transazione, ma origina la sua efficacia relativa, non avendo effetto nei confronti del creditore procedente, che provando la malafede dell’acquirente potrebbe così aggredire il bene venduto nei casi di inadempienza contrattuale del debitore cedente. Al contempo, però, le norme garantiscono la posizione dell’eventuale sub acquirente, se in buona fede, nei casi in cui il primo acquirente abbia a sua volta ceduto a terzi il bene.

L’azione revocatoria si prescrive entro il termine dei 5 anni dalla produzione dell’atto pregiudizievole degli interessi del creditore.

C’è ancora una precisazione da fornire, che riguarda la simulazione di un atto di cessione di un bene. In questi casi, infatti, tra il debitore e l’acquirente si ha la produzione di un atto fittizio, teso a sottrarre formalmente il bene dal novero delle garanzie a disposizione del creditore. In questi casi di finta alienazione, il creditore non deve esperire un’azione revocatoria, ma cercare di dimostrare la simulazione dell’atto di alienazione.